bur

Un uomo e un personaggio

Postato il

“Quando tutti gli archetipi irrompono senza decenza si raggiungono profondità omeriche. Due cliché fanno ridere. Cento commuovono. Perché si avverte oscuramente che i cliché stanno parlando tra di loro e celebrano una festa di ritrovamento”.
Queste parole sono di Umberto Eco, uno piuttosto noto anche qui in America. Non sono sicuro di averne colto il significato in tutto e per tutto. Però so che mi piacciono. Mi sembra che vadano a pennello anche per ‘Casablanca’. Inoltre, come potete ben capire, quando si parla di ritrovamenti io mi sento perfettamente a mio agio. Sono e rimango trovarobe, in fin dei conti. Mi piace scoprirle, perderle o fingere di perderle per poi fingere di ritrovarle o ritrovarle veramente.”
Sono le parole di un mio racconto “Suonala ancora Sam”, scritto anni fa per il sito della Bompiani “Speaker’s Corner” su sollecitazione di una mia amica che lavorava nell’ufficio stampa della BUR. La mia amica Umberto Eco lo aveva conosciuto di persona.

(L’articolo completo a questo link: http://www.ivanomugnaini.it/un-uomo-e-un-personaggio/ )

Eco

“Il contro in testa” e “Canzone per Vittorio Arrigoni”

Postato il

giovedì 21 giugno h. 21.30

La Libreria del Mondo Offeso partecipa a LETTI DI NOTTE

con Marco Rovelli

che presenta in anteprima il suo libro

“Il contro in testa”

e

“Canzone per Vittorio Arrigoni”…

Il contro in testa. Gente di marmo e d’anarchia.

di Marco Rovelli

Editori Laterza

in uscita a luglio 2012

Massa e Carrara furono unite una volta per tutte da lotta continua. lo so e’ un’iperbole. ma a parlare con quelli che hanno partecipato al movimento ti raccontano che massesi e carrarini facevano politica insieme si scambiavano sangui e desideri. e non a caso organizzarono manifestazioni che partivano sia da massa che da carrara e si incontravano sulla foce: massa e carrara le due facce dell’apuania terra di ribelli anarchici partigiani sovversivi. e’ la terra di confine e di margine in cui si articola questa storia tra osterie montagne cave di marmo boschi e pastori alla ricerca delle testimonianze di un passato ribelle e un futuro tutto da capire.

Marco Rovelli (Massa, 11 giugno 1969) è uno scrittore e musicista italiano. Insegna storia e filosofia nelle scuole secondarie.

Opere

Corpo esposto, Memoranda, 2004.

Lager italiani, Bur, 2006.

Sacrifices, Stampa Alternativa, 2007; prefazione, cura e traduzione del testo di Georges Bataille.

[a cura di, con Giulio Milani] I persecutori, Transeuropa, 2007 (antologia di narratori).

Lavorare uccide, Bur, 2008.

[a cura di] Con il nome di mio figlio. Dialoghi con Haidi Giuliani, Transeuropa, 2009.

Servi, Feltrinelli, 2009.

L’INAPPARTENENZA e LibertAria (libro + cd), Transeuropa 2009

con canzoni scritte insieme a Erri De Luca, Maurizio Maggiani e Wu Ming 2, e al quale hanno collaborato Yo Yo Mundi, Daniele Sepe e Roberto Saviano.

LETTI DI NOTTE

Lettori & librai scatenati

21 giugno 2012

Quest’anno l’estate comincia in libreria

Letture, incontri, apprendisti librai, scrittori socialmente utili, micromostre;

dal tramonto all’alba, la prima notte bianca delle librerie indipendenti italiane

Marco Rovelli

Biografia

Come scrittore, oltre che per il libro di poesie Corpo esposto, pubblicato nel 2004, Rovelli è giunto alla notorietà nel 2006, con il libro Lager italiani, un “reportage narrativo” interamente dedicato ai centri di permanenza temporanea (CPT), raccontati attraverso le storie di coloro che vi sono stati reclusi e analizzati dal punto di vista politico e filosofico. Nel 2008 ha pubblicato Lavorare uccide, un nuovo reportage narrativo dedicato ad un’analisi critica del fenomeno delle morti sul lavoro in Italia. Nel 2009 ha pubblicato Servi, il racconto di un viaggio nei luoghi e nelle storie dei clandestini al lavoro. Dal libro è stato tratto un omonimo spettacolo teatrale che vede in scena lo stesso autore insieme a Mohamed Ba, per la regia di Renato Sarti del Teatro della Cooperativa. Suoi racconti e reportage sono apparsi su Nuovi Argomenti, il manifesto e l’Unità, sulla quale tiene una rubrica settimanale. Fa parte della redazione della rivista online Nazione Indiana. Collabora con Transeuropa Edizioni, per cui cura la collana “Margini a fuoco” insieme a Marco Revelli.

Come musicista, dopo l’esperienza col gruppo degli Swan Crash (formazione musicale attiva nella seconda metà degli anni ’90 sulla scena musicale toscana, che aveva pubblicato un unico cd autoprodotto, dal titolo GraviDanze Lievi), l’affermazione di Marco Rovelli come cantante è legata alla vicenda musicale dei Les Anarchistes, gruppo vincitore, fra le altre cose, del premio Ciampi 2002 per il miglior album d’esordio. Oltre che come cantante, la figura di Marco Rovelli si afferma all’interno del gruppo (che spesso ha rivisitato antichi canti della tradizione anarchica e popolare italiana) anche come autore delle canzoni. Nel 2007 ha lasciato il vecchio gruppo e ha iniziato un percorso come solista, con il progetto Marco Rovelli LibertAria, con il quale nel 2009 ha pubblicato il primo cd, libertAria, nel quale ci sono canzoni scritte insieme a Erri De Luca, Maurizio Maggiani e Wu Ming 2, e al quale hanno collaborato Yo Yo Mundi e Daniele Sepe. A Rovelli è stato assegnato il Premio Fuori dal controllo 2009 nell’ambito del Meeting Etichette Indipendenti.

Avvertenza: La Libreria del Mondo Offeso rispetta le norme in materia di privacy D.LGS 196 del 30 giugno 2003. Il messaggio non è in alcun modo da considerarsi Spam, include la possibilità di essere rimosso. La nostra e-mail non contiene pubblicità né promozioni commerciali ma informazione culturale. E’ inviata in Copia coperta a iscritti, indirizzi segnalatici, pubblici, dell’annuario Stampa, giornali, da elenchi resi pubblici da utenti o pervenutici in Cc. Le comunicazioni non avranno frequenza giornaliera, saranno al contrario sporadiche e riguardanti esclusivamente ambiti culturali. Abbiamo cura di evitare invii multipli, nel caso questo dovesse accadere ce ne scusiamo fin da ora. Per cancellarsi rispondere dall’indirizzo relativo al presente messaggio, in qualsiasi momento, inserendo il seguente oggetto: CANCELLAMI. Grazie per la cortese attenzione. Per favore considera l’ambiente. Non stampare e-mail se non strettamente necessario.

Libreria del Mondo Offeso milano, c.so g. garibaldi 50 cap. 20121 (CORTILE INTERNO) tel. 02 36 52 07 97 fax. 02 36 52 18 21 e-mail: libreriadelmondooffeso@fastwebnet.it;libreriadelmondooffeso@gmail.com P.IVA 06165970960 Codice Fiscale LGRLJN72H68F205R Iscrizione REA N.1884204 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Milano in data 23/09/2008

ORARI D’ESERCIZIO:

Lunedì 15.00-19.00

Da Martedì a Venerdì 10.00-20.00 (orario continuato)

Sabato 10.00-13.00 / 15.00-20.00

Domenica chiuso (salvo eccezioni che verranno comunicate di volta in volta)

La torre della luna nera

Postato il Aggiornato il

L’IPNOTICA, ARTISTICA E CTONIA LUNA NERA DI LUCETTA FRISA Nota di lettura di Valeria Serofilli al volume La torre della luna nera ed altri racconti (puntoacapo Editrice, Novi Ligure 2012) di Lucetta Frisa.

 

Dei racconti di Lucetta Frisa, nota scrittrice, poetessa e traduttrice, che ho avuto a suo tempo l’onore di premiare all’Astrolabio 2011 con il Premio Speciale della Critica per il volume di poesia Ritorno alla spiaggia nonché di ospitare nell’ambito degli Incontri Letterari dell’Ussero, mi ha colpito la capacità dell’autrice di dare corpo alle storie, alle immagini e all’arte del proprio mondo interiore. Anche in virtù dei miei studi nel campo storico artistico ho apprezzato in particolare i racconti dedicati a tele famose e meno note, ma tutte ugualmente molto suggestive in grado di suggerire riflessioni profonde. E’ stato interessante per me vedere che l’attenzione di Lucetta Frisa spesso non segue le direttive canoniche della critica d’arte, ma si concentra su dettagli che sembrano minori e secondari ma in realtà aprono squarci su mondi nascosti, visuali e mentali. Interessanti anche le storie dedicate ai libri, al racconto nel racconto, alla parola che ragiona sulla parola, la osserva, la soppesa, la rigenera e la ricrea. Fin qui arte, storia, quadri. Ma c’è di più, ed è la luna nera del titolo a fornirci ulteriori chiavi di lettura. Autorevoli studiosi attribuiscono alla luna nera e alla notte la rappresentazione simbolica dell’immaginazione e del sogno che escono dall’inconscio, definito da Paul Diel “l’immaginazione esaltata e sfera della rimozione”. E’ forse proprio nel magico momento di passaggio rappresentato dal sé / parola / luna nera, che l’autrice individua l’incontro con il proprio mondo interiore, quel “luogo intermedio” tanto auspicato da Marsilio Ficino. Nell’articolo L’Inconscio del 1915, Freud dichiara che i contenuti dell’inconscio sono sostitutivi di pulsioni che non possono divenire oggetto di coscienza, pertanto le rappresentazioni inconsce sono organizzate in fantasmi (dal greco apparizioni) e trame immaginarie alle quali le pulsioni si fissano e che possono essere concepite come “vere messe in scena del desiderio”. In tale prospettiva il contenuto dell’inconscio è assimilabile a ciò che è stato rimosso con in più, “un nucleo originario di contenuti filogenetici”. In quest’ottica il cane del racconto “Un perro (lettera a Goya) ”solo.Separato minuscolo, senza speranza di redenzione”, se da un lato costituisce uno spunto per ragionare sul destino degli emarginati, rappresenta dall’altro un’antica fobia, un fantasma che l’autrice porta alla luce e rimuove. Adeguato e consono è a mio avviso anche lo stile con cui sono proposte le varie vicende: una scrittura che si muove ariosa, ampia e ricca, con un procedimento quasi teatrale, giungendo all’apice dell’emozione per gradi, quasi per cerchi concentrici. Il tutto ha come perno le citazioni, scelte con cura e del tutto adatte volta per volta a riassumere il senso delle storie narrate. Per concludere non posso che dedicare a Lucetta, sorella d’ispirazione, il pensiero di Croce riportato ad esergo del mio racconto “Sindrome di Stendhal: l’anacronismo dei classici”, contenuto nella raccolta Come esser tondi in un mondo di quadrati (Quaderni di Dedalus n° 1, puntoacapo Editrice, Novi Ligure 2011):

 

<>1. 1 Benedetto Croce, Breviario di Estetica, I E’ stato inoltre consultato il testo Dizionario dei simboli, J. Chevalier, A. Gheerbrandt, Bur, Rizzoli 1999.